Domenica 8 APRILE 2018

 

Finalmete arriva il grande giorno della Varese Van Vlaanderen (il Fiandre Varesino) .

Questo evento vedra ben 6 atleti dell' Eurobici partecipare e tenere alto il nome della società: Gennaro Acunzo, Claudio Fattori, Federico Lassini, Rocco Zanetti, Marcello Cipulli e Roberto Franzosi. Partenza alle 9.20 a causa del gran numero di partecipanti : si parla di un migliaio. Pronti via! A scandire il passo sono Federico e Claudio, il nostro Peter Sagan per forza e generosità. Si capisce sin da subito che i due ragazzi puntano ad un buon tempo. Restiamo tutti e sei assieme fino a quando non cominciano ad arrivare i primi muri aspri. Ne facciamo alcuni su pavé e ciotolato e dopo circa un' ora davanti restano in 4: Federico, Rocco Claudio e Franzosi. Marcello, che poi sapremo aver avuto guai meccanici e Gennaro avevano comunque in mente di fare il percorso corto. I muri si susseguono e dopo breve tempo si ha una nuova selezione. Federico e Rocco davanti. Claudio poco più indietro e Franzosi ad arrancare per cercare di non perdere troppo terreno dai 3 ragazzi. Al primo controllo Claudio e Franzosi si ricongiungono e da lì andranno sempre insieme fino all' arrivo. Federico,  nonostante abbia recentemente fatto poco allenamento, è solo davanti e chiuderà alle 14.07, quindi ben sotto le 5 ore per fare 132 km con 29 salite brevi ma davvero dure in alcuni casi. Bravissimo e sicuramente man of the day. Complimenti anche a Rocco che giunge ad una decina di minuti da Federico. Claudio e Franzosi fanno di tutto per cercare di limitare il ritardo con trenate di Claudio dell' ultima ora che staccano tutti i vari partecipanti che tentano di accodarsi ai due.  Chiuderanno con 5ore 12' di corsa. Gara dura e fatta sempre forte; non sono mancate cadute sui muri in pavé  ( anche a Claudio è  successo ) e partecipanti che salivano a piedi. Gara affascinante, ma da non fare senza un buon allenamento in salita, potrebbe lasciare brutti ricordi. Complimenti comunque a tutti e sei i nostri "fiamminghi" dell' Eurobici.

Ma la domenica vede altre maglie EUROBICI sulle strade della brianza per una pedalata di 75 km.

Questi si ritrovano, come al solito alle 8 al ponte di Mac Mahon: Cazzini, Pioli, Bressan, Grande, Sperduto i quali alle 8:10 raggiungono il secondo ritrovo presso La pizzeria Calafuria di viale Marche incontrano Maresca (alla 2° uscita) e Tolve che per aver compagnia ingaggia 3 suoi amici (2 tesserati Cus ProPatria Triathlon).

I 10 raggiunta la Villa Reale di Monza decidono di affrontare la Rancate scendere per Canonica da Triuggio e affrontare la Gerna fino a Casatebovo, dove raggiunto Rogoredo di Casatenovo effettuano la sosta caffè per poi proseguire per villasanta e tornare a casa dove arrivano alle ore 12.

 

 

 

Visto che qualcuno il sabato sera fa tardi e si sente il più forte di tutti ha visto bene di dormire fino a tardi e sfogarsi sulle rampe del Ghisallo, tutto forse per non sentirsi rimproverato dal preparatore atletico.

 

In totale questa domenica sulle strade della Lombardia si vedeno addirittura 14 atleti EUROBICI un evento che rende orgoglioso il proprio presidente.


              Domenica 22 APRILE 2018

 

Nel giorno della Liegi Bastogne Liegi e del primo anniversario della scomparsa di Michele Scarponi, si tiene la quarta cicloscalata Eurobici dell' anno.

Quale miglior luogo per celebrare questi due eventi se non la salita di Giovenzana, dal versante "vero e cattivo" quello di Cagliano, da cui ciclisti che salgono in bici da corsa se ne vedono pochi. L' Eurobici si presenta con ben 12 rappresentanti alla partenza dalla Villa Reale: Gennaro, Vittorio, Fausto, Marcello, Claudio, Eugenio, Gino, Roberto Franzosi, Antonio, Salvatore, Alessandro e Fulvio. Il giro prevede Monticello e Sirtori prima del ritrovo ai piedi della salita di Giovenzana. Purtroppo siamo rimasti in dieci: Gino e Fulvio  hanno perso contatto prima di Monticello.

Via! Si parte con Franzosi e Eugenio a tirare il gruppo, ma ben presto è Claudio a piazzare uno dei suoi scatti che non danno scampo al resto dei partecipanti. Le prime rampe sono impegnative ma non micidiali come le ultime che vanno in alcuni punti oltre il 20%. Tutti i dieci Eurobici arriveranno in cima con le seguenti posizioni e tempi. 1.Claudio in 12'45" 2.Eugenio in 14'30" 3.Roberto Franzosi in 15'15" 4.Marcello in 18'07" 5.Salvatore in 19'30" 6.Gennaro in 20'40" 7. Fausto in 22'00" 8.Alessandro in 24'30" 9.Antonio in 25'45" 10.Vittorio in 26'00". Refrigerio alla fontana di Giovenzana e foto di rito prima di buttarci in discesa e dividerci. Claudio, Eugenio, Roberto Franzosi, Gennaro e Marcello  affronteranno il Lissolo mentre Antonio, Salvatore, Alessandro, Vittorio e Fausto  torneranno a Milano senza affrontare altre salite. Dopo il Lissolo i cinque viaggiano verso Milano oltre i 40 orari quando purtroppo Eugenio, nel tentativo di aiutare Marcello, prende una buca e cade. Fortunatamente nulla di grave: solo qualche sbucciatura e maglia e calzoncini rotti. La sua bicicletta è in ordine e quindi Eugenio, generoso come sempre, continua a tirare come se nulla fosse successo. Arriviamo a Milano intorno alle 13, al termine di una bellissima giornata per: tempo, percorso, salite e partecipazione. Man of the day: sicuramente Claudio per l' ottimo tempo di scalata della Giovenzana, ma anche Eugenio per la sua determinazione anche dopo la caduta. Complimenti comunque a tutti. La salita di oggi non è roba per tutti. Speriamo di avere così tanti partecipanti anche in occasione delle prossime cicloscalate.

Saluti da tutti al Presidente Enrico in particolare, oggi assente giustificato per il compleanno del piccolo Riccardo Auguri e...alla prossima!